writing effort

Posts Tagged ‘libri

Stoner

leave a comment »

di W.E.

Stoner di John Edward WilliamsStoner è il titolo del terzo romanzo di John Edward Williams, romanziere, poeta e professore americano nato in Texas nel 1922 e morto nel 1994. Si tratta di un romanzo dimenticato per lungo tempo, poi riedito nei primi anni del 2000 dalla New York Review Books, e, lo scorso febbraio, pubblicato da Fazi nella traduzione di Stefano Tummolini.
Sia mio padre che mio fratello me ne parlavano con un entusiasmo raro, da nessuno dei due avevo mai sentito elogiare così tanto un libro. Quindi, ho dovuto leggerlo subito.
Stoner prende il titolo dal cognome del protagonista: figlio di contadini, inizia a frequentare i corsi di agraria all’Università del Missouri per volontà del padre – che lo vorrebbe agricoltore esperto per aiutarlo nei campi – ma, affascinato dalla letteratura, finirà per cambiare percorso di studi e rimanere all’Università del Missouri, prima come studente, poi come assistente, infine come docente. Si sposa, ha una figlia, qualche amico, un amore fuori dal matrimonio. In poco più di questo consiste Stoner: nient’altro che il racconto di un uomo che percorre la sua esistenza. Senza intrecci complessi, senza eventi di particolare rilievo, Williams ci tiene attaccati a ogni pagina con una prosa asciutta, rispettosa, delicata. Una prosa necessaria, come ha sottolineato giustamente mio padre. Stoner ci sorprende perché è essenziale, proprio come la vita.
“Cosa ti aspettavi?” si chiede Stoner riflettendo sulla sua. “Cosa ti aspettavi?”
Da leggere assolutamente.

Annunci

Written by w.e.

gennaio 12, 2013 at 1:18 pm

Il Conte di Montecristo

leave a comment »

di W.E.

Ci sono dei momenti in cui, fortuitamente, le coincidenze portano a piacevoli scoperte.
Poco tempo fa un’amica continuava a dirmi, ogni volta che mi vedeva, quanto la sua lettura de Il Conte di Montecristo fosse entusiasmante. Sembrava quasi che il tempo passato senza il libro tra le mani per lei fosse tempo sprecato.
Non molto tempo dopo mi trovo a vederla, l’isola di Montecristo, a lasciarmela nell’orizzonte di foschia mentre su una barca a vela con degli amici cominciamo la traversata che ci porterà in Corsica.
La trama del romanzo di Dumas, in fondo, è stata per me sempre avvolta nella stessa foschia. Sì, la conosco a grandi linee, ma non l’ho mai conosciuta davvero. E non ho mai visto lo sceneggiato del 1966 col giovanissimo Giordana nei panni di Edmond Dantès, né il film per la tv con Gérard Depardieu.
L’estate prosegue e torno a casa dai miei genitori. Racconto a tavola del mio desiderio di leggere il romanzo, e mio padre il giorno dopo mi regala l’edizione della BUR, che guarda caso è in sconto. A quel punto l’avventura non può che cominciare.
Il titolo della prefazione, di Umberto Eco, è “Un romanzo mal scritto”. Non l’ho ancora letta, anche se mi incuriosisce parecchio. Lo farò alla fine delle 915 pagine che mi avvincono da ormai un mese (fortunatamente sono solo a pagina 204).
Mi succede, di giorno, che al passaggio distratto vicino al comodino, alla vista del libro, mi ricordo improvvisamente che altre pagine mi attendono quella sera. E’ come se la giornata, sul finire, mi riservasse un’ultima sorpresa, rendendo il momento già dolce del coricarsi ancora più foriero di premi.
Non me lo ricordo, ma mi sa che quando da bambini ci leggevano le favole la sensazione era proprio la stessa.
“E chi non l’ha mai letto, lo rilegga!” fu il lapsus di un vecchio professore.

Written by w.e.

settembre 15, 2011 at 10:33 pm

Pubblicato su Cotidie, Incontri, Libri

Tagged with , ,